25 aprile – Contro ogni oppressione

26 aprile 2015
Riceviamo dalla nostra compagna Luisa G. la testimonianza di questo assurdo episodio di intolleranza di cui è rimasta vittima, ad opera di un giovane israeliano. Desideriamo condannare FERMAMENTE gesti violenti come questo, sia gli argomenti usati, tipici di chi vuole fare di una immane tragedia come lo sterminio ebraico il pretesto per la quotidiana oppressione di un intero popolo.

“Mi sono recata alla commemorazione del 70 anniversario della liberazione con la kefiah al collo e la bandiera palestinese, convinta che fosse il modo per ricordare a tutti che nel mondo questo popolo ancora subisce l’occupazione CRIMINALE ED ILLEGALE [COME DICHIARATO DALLE RISOLUZIONI ONU] da parte dello stato di Israele.

Mentre ascoltavo gli interventi delle personalità istituzionali, I QUALI GIUSTAMENTE DICHIARAVANO INDIGNAZIONE E SCONFORTO PER LA MORTE DEI PROFUGHI NEL MEDITERRANEO, sono stata avvicinata da un ragazzo israeliano che in modo molto aggressivo ha iniziato ad insultarmi, sostenendo che la mia bandiera negava l’olocausto. Ho tentato di spiegare, ma il suo atteggiamento arrogante e violento ed il fiume di offese che ho ricevuto me lo hanno impedito.
PURTROPPO DEVO AMMETTERE CHE SONO RIMASTA IMPAURITA, MA NON PER QUESTO SMETTERO’ DI PORTARE AVANTI LE MIE IDEE, ALTRIMENTI COSA CI ANDREMMO A FARE IN PIAZZA IL 25 APRILE?”

SIENA PER GAZA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...